Lo sguardo duro e amoroso del “senza casa”. Su Istmi e chiuse di Eugenio De Signoribus