Un malinconico paesaggio di parole. La lingua di Francesco Biamonti