Questo articolo si propone di mettere in relazione l’impiego di deittici spaziali con la presenza della soggettività lirica e la connessa antropologia dello spazio specificamente nell’Infinito e – contrastivamente e in modo più rapido – nel restante corso della poesia leopardiana, rimarcando che – se la soggettività espressa nell’Infinito è pienamente antropocentrica – il calo delle marche deittiche di prima persona, comprese quelle spaziali, testimonia di una messa all’angolo del soggetto lirico lungo la diacronia della produzione leopardiana, fino a una sua finale decisa revoca in discussione.

L'Infinito qui. Deissi spaziale e antropologia dello spazio nella poesia di Leopardi

ZUBLENA, PAOLO
2010

Abstract

Questo articolo si propone di mettere in relazione l’impiego di deittici spaziali con la presenza della soggettività lirica e la connessa antropologia dello spazio specificamente nell’Infinito e – contrastivamente e in modo più rapido – nel restante corso della poesia leopardiana, rimarcando che – se la soggettività espressa nell’Infinito è pienamente antropocentrica – il calo delle marche deittiche di prima persona, comprese quelle spaziali, testimonia di una messa all’angolo del soggetto lirico lungo la diacronia della produzione leopardiana, fino a una sua finale decisa revoca in discussione.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11567/922054
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact