Gli equivoci di un'"arte media", ovvero le disavventure filosofiche della fotografia