Paesaggi di qualità, tra vigneti urbani e etichette “parlanti”