Componenti inibitorie negli individui con sindrome di Down