Tecnica rimediale e art. 28 dello statuto dei lavoratori