Il principio di non discriminazione vale anche per il diritto allo studio dei lavoratori a tempo determinato