The examination of the 'de ludis' section of the oration Pro Sestio shows how much of this long excursion is based on a series of tragic and comic quotes, which appear to be not an ornamental and accessory element, but the very core of the invention of this section. It follows that a list of sententiae taken from comedy and especially from tragedy, and used in the shows organized by Sestius first to expose Clodius to sarcasm, and then to allude to Cicero, to his merits towards Rome and his exile, have probably constituted the layout on which Cicero built his oration, thus renewing for his audience the pathetic effects already achieved in his absence during the performances of 57 a. C.

L'esame della sezione 'de ludis' della Pro Sestio mostra come gran parte di questo lungo excursus sia fondato su una serie di citazioni tragiche e comiche, che appaiono essere non un elemento ornamentale ed accessorio, ma il nucleo stesso dell'inventio di questa sezione. Ne consegue che un elenco di sententiae tratte dalla commedia e soprattutto dalla tragedia, ed utilizzate negli spettacoli organizzati da Sestio prima per esporre Clodio al sarcasmo, e poi per alludere a Cicerone, ai suoi meriti verso Roma e al suo esilio, hanno probabilmente costituito la scaletta su cui Cicerone ha costruito la sua orazione, rinnovando così per il suo pubblico gli effetti patetici già a suo tempo ottenuti in sua assenza durante gli spettacoli del 57 a. C.

La scena oratoria: sententiae teatrali e modalità della composizione nella Pro Sestio e nella Pro Caelio (insiemi di citazioni e architettura argomentativa nell’oratoria ciceroniana del 56 a.C.)

MORETTI, GABRIELLA
2011

Abstract

L'esame della sezione 'de ludis' della Pro Sestio mostra come gran parte di questo lungo excursus sia fondato su una serie di citazioni tragiche e comiche, che appaiono essere non un elemento ornamentale ed accessorio, ma il nucleo stesso dell'inventio di questa sezione. Ne consegue che un elenco di sententiae tratte dalla commedia e soprattutto dalla tragedia, ed utilizzate negli spettacoli organizzati da Sestio prima per esporre Clodio al sarcasmo, e poi per alludere a Cicerone, ai suoi meriti verso Roma e al suo esilio, hanno probabilmente costituito la scaletta su cui Cicerone ha costruito la sua orazione, rinnovando così per il suo pubblico gli effetti patetici già a suo tempo ottenuti in sua assenza durante gli spettacoli del 57 a. C.
The examination of the 'de ludis' section of the oration Pro Sestio shows how much of this long excursion is based on a series of tragic and comic quotes, which appear to be not an ornamental and accessory element, but the very core of the invention of this section. It follows that a list of sententiae taken from comedy and especially from tragedy, and used in the shows organized by Sestius first to expose Clodius to sarcasm, and then to allude to Cicero, to his merits towards Rome and his exile, have probably constituted the layout on which Cicero built his oration, thus renewing for his audience the pathetic effects already achieved in his absence during the performances of 57 a. C.
9782904974410
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11567/880434
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact