Emilio Garroni tra linguistica, estetica e semiotica