CDA, un’eredità contesa