Dal sublime al ridicolo: fisiognomica e caricatura