“Drafting multilinguistico” e controllo della Corte di giustizia