Massimo Rubboli, Dio sta marciando