Carlo Levi e l’edizione americana dell’"Orologio". Ricognizione su alcune carte d’archivio