Il Grand Jury: un'arma a doppio taglio?