Dal carteggio tra Eugenio Garin e Delio Cantimori