L’eros, il dono, la donna nuda squartata. (Inf. XIII, Dec. V,8 e il Botticelli)