Chambéry, Torino o Ginevra? Le (s)fortune editoriali di un criminalista del primo Seicento