La giustificazione della democrazia. Repliche a Ian Carter ed Emanuela Ceva