Un uomo, un’opera, uno scopo. Un’ipotesi sul manoscritto di Ferrara