Antiche traduzioni armene di testi greci: una riflessione