"Agostino" e la critica. Terza parte