Andersen, il grande scrittore danese, ribadisce più volte nelle sue fiabe che non basta riconoscere la propria alterità per trovare se stessi, ma è necessario confrontarla e condividerla con qualcuno che sia in grado di rispettarla, apprezzarla e proteggerla. In questo senso occorre rimarcare l’importanza di approfondire temi fondamentali quali l’identità e l’alterità soprattutto alla luce di una globalizzazione che, se da un lato tende ad appiattire e ad omologare, dall’altro porta a rifiutare sempre più marcatamente ciò che si discosta dal “prototipo” riconosciuto.

Il talismano dell’identità

ANTONIAZZI, ANNA
2005

Abstract

Andersen, il grande scrittore danese, ribadisce più volte nelle sue fiabe che non basta riconoscere la propria alterità per trovare se stessi, ma è necessario confrontarla e condividerla con qualcuno che sia in grado di rispettarla, apprezzarla e proteggerla. In questo senso occorre rimarcare l’importanza di approfondire temi fondamentali quali l’identità e l’alterità soprattutto alla luce di una globalizzazione che, se da un lato tende ad appiattire e ad omologare, dall’altro porta a rifiutare sempre più marcatamente ciò che si discosta dal “prototipo” riconosciuto.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11567/436118
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact