"Civil Society": ultimi bagliori di un crepuscolo?