Moduli e "facoltà orizzontali": considerazioni sull'architettura della mente