Lucio Fontana tra sacro e profano