Sul ruolo della morfologia delle sezioni idriche nella stima del minimo deflusso vitale