Max Weber e gli “ultimi uomini”: a proposito d’un libro non scritto