Servizi di pubblica utilità: meno pubblici e più privati?