Il respiro dell'autenticità. Su "Il noce di Cavour"