Gina Lagorio e la scrittura della storia