Recensione di "The things we mean"