Giglione, i "liguri" e Caproni