Su "Il muro della terra" di Giorgio Caproni