I nuovi confini del valore mobiliare