Gagliuffi "giurista" e la traduzione in versi del Code Napoléon