La lezione di Gianfranco Caniggia: un metodo da ricordare