L’educazione alla “cooperazione interpretativa” tra lettore e autore