Tra Harold Bloom e Narciso: sul narcisismo, la letteratura e la critica