Le "vedute a volo d'uccello" tra contesto geografico e ragioni iconografiche: l'esempio di Genova