«Sono come quando ti ho scritto la prima volta»: su una lettera dispersa di Boine a Papini