“Psicofarmaci, cultura e allucinazioni: un dialogo difficile con il paziente extracomunitario”