Su figure e spazi in opere di Valerio Castello: suggestioni e qualche considerazione