"Della sua propria colpa si lava col nostro sangue": la sconfessione di consigliere ed esecutore nella tragedia slesiana