Modernità e affetti nel Seicento letterario