Proprietà recettoriali e catalitiche di un “Host” cicloveratrilenico