"Ne sentirai di tutti i colori". Sulla lingua poetica di Farfa