«Che la veglia sia espiazione e rivolta...». Lettura di "Un custode" di Eugenio De Signoribus