Herring v. United States: una questione di buona fede?